Sei in » Turismo » Eno-Gastronomia
05/08/2016 | 17:42

Dopo il successo riscosso dalle precedenti edizioni, l'evento 'Trioti - gustose tradizioni della civiltÓ contadina' torna con tante novitÓ, deliziando all'insegna del gusto, della musica e dell'artigianato locale. E Cursi diventa per tre giorni cuore pulsante del Salento.


Le cocottine di tajeddha


Cursi. Anche quest’anno si rinnova l’impegno di Trioti, per la settima edizione, in difesa e nel rispetto delle tradizioni del Salento. Trioti abbraccia il Progetto Campagna Amica di Coldiretti per la valorizzazione dell’identità dei nostri territori, pertanto si impegna, anche quest’anno a portare prodotti solo a km 0.

Quest’importante evento che avrà luogo il 6, 7 e 8 agosto presso il comune di Cursi, (ecco tutto il programma) prende il nome “Trioti” da quello che fu il più antico insediamento urbano del paese. L’idea nasce dall’intento di recuperare e valorizzare dei piatti della tradizione contadina salentina di un tempo.

Il percorso enogastronomico coinvolgerà tre punti fondamentali del centro storico del paese (Piazza Pio XII, Largo Convento e Corte de Baronis) e si snoderà lungo i vicoli antichi che fanno da collegamento. Saranno riaperte le corti e i forni, insieme ai vecchi frantoi e alle chiesette del centro storico, tutti luoghi che hanno fatto la storia del piccolo paesino della provincia di Lecce.

La cultura sarà al centro di tutto, spaziando dalla pizzica alle rappresentazioni popolari, agli artisti di strada, sempre con l’unico obbiettivo di recuperare le antiche tradizioni.

La celebre Tajieddha sarà la protagonista gastronomica dell’evento, servita in una deliziosa cocottina in terracotta appena sfornata dai forni in pietra delle corti del centro storico, alla quale saranno affiancate altre gustosissime e rinomate pietanze di tradizione salentina, dalla carne alla brace di vario genere alle squisite fritture tipiche, dai pezzetti di cavallo, alle friselle con pomodori e caponata e tanto altro.

La realizzazione di tutti i piatti sarà curata dallo chef Donato Episcopo, sempre attento alla tradizione culinaria, affinché qualità e gusto non vengano mai meno.

Il ritmo travolgente della musica accompagnerà il visitatore lungo tutto il percorso e ogni piazza risponde simultaneamente alle diverse esigenze musicali, spaziando tra i diversi generi e stili.

A cura di Eleonora Romano




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |